Le carte di Agostino Gemelli relative alla psicologia

Soggetto produttore

Le carte di padre Agostino Gemelli relative alla psicologia (ovvero documenti di argomento psicologico riconducibili a padre Gemelli) sono conservate presso l'Archivio generale per la storia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, di cui lo stesso Gemelli fu fondatore nel 1921 e rettore fino alla morte, avvenuta nel 1959.
Non esiste tuttavia un unico fondo archivistico intitolato a Gemelli: le sue carte si trovano sparse all'interno di alcuni dei numerosi fondi dell'Archivio universitario. Tale commistione è da imputare alla sovrapposizione quasi totale tra l'attività istituzionale e il lavoro scientifico svolto negli anni da Gemelli, il quale lavorava e risiedeva all'interno dell'ateneo.
Il lavoro realizzato dal Dipartimento di psicologia dell'Università Cattolica, in collaborazione con l'Aspi – Archivio storico della psicologia italiana nell'ambito del progetto Firb, ha previsto lo spoglio di tali fondi archivistici alla ricerca delle carte prodotte da padre Gemelli nell'ambito della sua attività scientifica, in particolare in campo psicologico. I documenti, descritti e inventariati mediante il software Arianna, sono ora reperibili in una sorta di "inventario virtuale" che permette di effettuare un percorso trasversale all'interno dei singoli fondi. Non si esclude tuttavia l'esistenza di altre carte di contenuto scientifico e psicologico in fondi archivistici conservati dall'Archivio generale che non sono stati considerati per questa ricerca.
L'Archivio dell'Università Cattolica conserva attualmente una trentina di fondi (il conteggio è in continuo aggiornamento grazie ai versamenti effettuati dagli uffici interni). Tra essi, ne sono stati individuati alcuni in cui sono presenti materiali che, per argomento e datazione, si è ritenuto avessero un'attinenza con la figura di padre Gemelli nella sua veste di psicologo.
1) Il fascicolo personale di Gemelli, conservato presso la Direzione delle risorse umane della sede centrale dell'Università nella Serie fascicoli personale docente, consente di ripercorrere la carriera scientifica e accademica dello studioso: oltre alla documentazione universitaria e agli atti ufficiali relativi ai diversi passaggi di ruolo, infatti, vi si trovano numerose attestazioni di stima da parte di scienziati, luminari, rettori e docenti di altre università italiane ed estere.
2) L'importante e ponderoso fondo Corrispondenza (1920-1959) è composto da 406 buste, 60 delle quali non inventariate, oltre a 13 in fase di inventariazione. Solo per il periodo compreso tra il dicembre 1921 e il dicembre 1922 esiste un elenco alfabetico dei mittenti e destinatari, mentre per gli altri anni la ricerca della corrispondenza può essere effettuata soltanto consultando i 76 registri di protocollo, ordinati cronologicamente per anni accademici. A seguito degli eventi bellici della seconda guerra mondiale, la corrispondenza di sette anni accademici è andata distrutta, mentre per altri anni si sono conservate solo le carte spedite o inviate da alcuni uffici. Di parte dell'anno accademico 1942-43 sono invece presenti le lettere, mentre manca il relativo protocollo (presso l'Archivio dell'Università Cattolica esiste un elenco dettagliato di tali lacune). Data la consistenza e la varietà dei corrispondenti, le risorse a disposizione per il presente progetto hanno consentito, per ora, di effettuare soltanto un lavoro di individuazione, nei registri di protocollo, del carteggio di Gemelli con alcuni scienziati, medici, psichiatri, psicologi ed enti scelti in base ai legami che essi avevano con la psicologia e con i soggetti produttori degli altri fondi archivistici presenti sul portale dell'Aspi. L'elenco di questi mittenti e destinatari, con l'indicazione dei numeri di protocollo e delle date delle loro missive, dell'ufficio di destinazione e della dicitura A per lettera in arrivo e P per lettera in partenza, è dunque solo un primo passo verso una possibile individuazione completa delle lettere di interesse psicologico presenti in questo fondo di considerevole vastità, ordinato su base cronologica e per titoli degli uffici. Attualmente è stato possibile analizzare soltanto le annate dal 1922-23 al 1939-40. Nel fondo è però presente corrispondenza di padre Gemelli, di argomento medico e psicologico, datata sino al 1959, anno della morte del francescano. Inoltre occorre ancora verificare l'effettiva presenza in Archivio delle lettere, la cui conservazione è incerta a causa delle già citate lacune presenti nel fondo. Solo per i due corrispondenti Casimiro Doniselli (1876-1960) e Cesare Musatti (1897-1989), morti dopo il 1939-40, è stato possibile verificare la presenza delle lettere fino al 1959. Tali lettere, insieme a quelle di Sante De Sanctis (1862-1935), Giulio Cesare Ferrari (1867-1932) e Federico Kiesow (1850-1940) sono descritte analiticamente e riprodotte in formato digitale sul presente portale, all'interno dell'inventario virtuale (v. link in calce).
3) Il fondo Archivio vecchio del Rettorato (1921-1978, con precedenti al 1911), comprende 456 fascicoli, accessibili solo in parte. All'interno del fondo, pur molto vasto nel suo complesso, sono stati selezionati per il presente progetto i fascicoli attinenti alle attività di ricerca condotte dall'Università Cattolica di Milano in collaborazione con il CNR, relative in particolare al Centro di studio per la psicologia di Roma, costituito presso l'Università Cattolica stessa. Oltre a tale materiale, sono stati selezionati piccoli nuclei documentari relativi ad alcuni argomenti di rilievo per la storia della psicologia, come per esempio la cessione all'Università Cattolica della rivista Storia della psicologia. Non si esclude tuttavia che altri documenti riguardanti queste tematiche possano trovarsi in altri fondi dell'Archivio universitario, dei quali non è ancora stato possibile effettuare uno spoglio sistematico.
4) Il fondo Miscellanea (1919-1960) è composto da 61 buste, suddivise in fascicoli ordinati tematicamente, inventariati e in buono stato di conservazione. L'intitolazione stessa del fondo sta ad indicare l'eterogeneità del materiale in esso contenuto. La selezione attuata per il presente progetto è stata effettuata in base all'attinenza dei documenti con le scienze medico-psicologiche. Buona parte delle carte selezionate si configura come corrispondenza di padre Gemelli con altri studiosi e scienziati del periodo. Sono presenti anche bozze di stampa di suoi articoli di psicologia con correzioni manoscritte, documentazione relativa al Laboratorio di psicologia dell'Università Cattolica, fotografie raffiguranti padre Gemelli insieme a colleghi e studenti, carte riguardanti convegni e fotografie scattate a soggetti di esperimenti di natura psicologica. Un piccolo nucleo di documenti fa riferimento al noto caso giudiziario dello "Smemorato di Collegno", che coinvolse buona parte degli psicologi e degli psichiatri italiani negli anni '20 e '30 del Novecento, modificando radicalmente e definitivamente sia la concezione delle testimonianze, sia il ruolo delle perizie psichiatriche all'interno dei procedimenti penali.
5) Il Fondo Gemelli-Scolari (1945-1959 circa), versato nel 2007 dalla Segreteria del Rettorato e intitolato alla memoria di Marisa Scolari, segretaria di padre Gemelli per molti anni, comprende 27 buste in buono stato di conservazione. Nel fondo, raccolto in buste omogenee per contenuto, sono state selezionate per il presente progetto quelle che riportavano una dicitura attinente alle scienze psicologiche, alla Psicotecnica e al Laboratorio di psicologia sperimentale dell'Università Cattolica.
Per ulteriori informazioni sugli archivi dell'Università Cattolica si rimanda alla guida web consultabile sul sito dell'ateneo e al volume di M. Bocci, L'Università Cattolica nelle carte degli archivi, in Storia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, Le fonti, vol. II, Milano, Vita e Pensiero, 2008.

Ilaria Montanari
20/05/2011

Bibliografia

Cigoli V., Montanari I., Molgora S., Facchin F., Accordini M. (2009). Il carteggio tra padre Gemelli e Cesare Musatti. In Bocci M. (a cura di), Storia dell'Università Cattolica. Vol. VI, Agostino Gemelli e il suo tempo (pp. 299-321). Milano: Vita e Pensiero.
Montanari, I. (2013). Agostino Gemelli e la psicotecnica nel secondo dopoguerra. Ricerca, applicazione e divulgazione nelle carte del Fondo Gemelli-Scolari. In M. Antonelli, & P. Zocchi (a cura di), Psicologi in fabbrica. Storie e fonti (pp. 129-153). Roma: Aracne.
back to top