L’archivio di Angelo Majorana

Soggetto produttore

L'archivio di Angelo Majorana è conservato a Catania presso l'abitazione di famiglia e consiste in circa 27 faldoni di documenti non ancora riordinati né inventariati, risalenti grosso modo agli anni 1934-2002.
L'archivio comprende una raccolta completa, per gli anni dal 1967 al 2000, di agende annuali recanti appunti e pensieri di Majorana sui più vari argomenti tratti dall'esperienza lavorativa e dalla vita quotidiana; tali agende sono state quasi interamente trascritte dalla moglie in anni recenti. Sono anche presenti 8 rubriche e diversi fogli sciolti di agende che si trovavano presso la Casa di cura Carmide, relative soprattutto alla sua attività interna alla struttura.
Sono inoltre presenti i documenti relativi alla formazione di Majorana (quaderni scolastici e appunti delle lezioni universitarie, tra cui quelle di Sante De Sanctis), alla fondazione e alla gestione della Casa di cura e della Scuola magistrale ortofrenica, alla sua attività accademica e di ricerca, ai convegni e alle conferenze a cui partecipò. L'archivio conserva anche le perizie e gli appunti su casi clinici, i manoscritti dei lavori scientifici, gli estratti delle pubblicazioni, alcuni lavori di altri autori (tra cui un dattiloscritto di Adelaide Colli Grisoni e una dispensa delle lezioni di Mario Ponzo curata da Leandro Canestrelli), nonché una raccolta di articoli di giornale sulla scomparsa del cugino Ettore Majorana.
Oltre a numerose fotografie, lettere familiari e lettere di pazienti, si segnalano poi alcuni carteggi con colleghi, studiosi e intellettuali italiani e stranieri, tra cui Daniel Ellis Berlyne, Mario Bertini, Giovanni Bollea, Vito Maria Buscaino, Cristina Campo (alias Vittoria Guerrini), Italo Carta, Renzo Canestrari, Stefan Catsicas, Francesco Cefis, Ugo Cerletti, Stephan Chorover, Romeo Crippa, Paul Henri Davost, Mario Francioni, Agostino Gemelli, Kurt Goldstein, Robert A. LeVine, Lamberto Longhi, Paolo Meazzini, Peter Merenda, David Mezzacapa, Fabio Metelli, Christian Müller, Lorenzo Pavone, Karl H. Pribram, Tullio Scrimali, Volker Sellin, Emilio Servadio, Hubertus Tellenbach, Alfredo Tridenti, Serena Veggetti, Matteo Vitetta, Seymour Wapner, Elémire Zolla.
Si segnala infine la presenza di una cospicua biblioteca (ordinata e catalogata) e di materiali audiovisivi, tra cui le audiocassette del Convegno internazionale "Prospettive e applicazioni dell'approccio olistico nelle scienze umane" tenutosi dal 29 novembre al 2 dicembre 1986 a Catania, e il video di una lunga intervista a Majorana del 2002.

Sara Adamo e Paola Zocchi
06/05/2013
back to top