Angelo Mosso

Torino, 30 Maggio 1846 – Torino, 24 Novembre 1910

Biografia

Mosso è conosciuto soprattutto per gli studi condotti nel campo della fisiologia sperimentale tra Otto e Novecento.
Nel 1864 si iscrive alla Facoltà di medicina dell'Università di Torino. Prima allievo e poi assistente del fisiologo di origini olandesi Jakob Moleschott, dopo la laurea, conseguita nel 1870, lavora nel laboratorio del fisiologo tedesco Moritz Schiff all'Istituto di studi superiori di Firenze. Importanti sono anche le sue esperienze all'estero: a Lipsia, dove dal 1874, per due anni, studia nel laboratorio di Karl Ludwig, e in seguito a Parigi, dove collabora anche con il neurologo Jean-Martin Charcot. È proprio durante questo periodo che il giovane ha l'occasione di apprendere tecniche e conoscenze che gli permetteranno in seguito di ideare i suoi apparecchi secondo un'innovativa metodologia sperimentale.
Nel 1875 consegue a Torino la libera docenza in farmacologia e terapia sperimentale, mentre dal 1879, con il trasferimento di Moleschott all'Università di Roma, è chiamato alla cattedra di fisiologia del capoluogo piemontese. L'istituto diviene con lui un vivace centro di studi, dove, tra gli altri, si formano Zaccaria Treves (in seguito trasferitosi a Milano nel Laboratorio civico di psicologia pura e applicata) e Mariano Luigi Patrizi, che a Modena fonda un laboratorio di psicologia applicata al lavoro.
Nel 1879 Mosso è nominato membro dell'Accademia dei Lincei, in virtù dei suoi studi sulla circolazione e i movimenti del cervello. Nel 1882 fonda la rivista Archives italiennes de biologie, pubblicata in francese per far conoscere anche all'estero i lavori degli studiosi italiani.
Interessato ai rapporti tra fisiologia e psicologia sperimentale, studia il cervello, i problemi dell'educazione e fenomeni quali la paura e la fatica, a cui dedica due importanti monografie nel 1884 e nel 1891. I suoi interessi spaziano dalla fisiologia all'anatomia, dalla psichiatria alla psicologia e comprendono studi sulla respirazione, la fisiologia ad alte quote, la pulsazione delle arterie, la relazione tra emozioni e circolazione periferica, lo sport e l'educazione fisica.
Mosso è anche l'ideatore di numerosi strumenti, pensati appositamente per i suoi studi e i suoi esperimenti: dal pletismografo, usato per misurare le variazioni di volume degli arti in rapporto al flusso sanguigno e le variazioni del flusso sanguigno in relazione a pensieri ed emozioni, allo pneumografo, che registra i movimenti respiratori del torace; dallo sfigmomanometro, che misura la pressione arteriosa, all'ergografo, impiegato per misurare il lavoro e la fatica muscolare. È inoltre il primo in Italia a registrare, grazie a un'apposita strumentazione, i fenomeni biologici nel loro divenire temporale, ottenendo tracciati sperimentali grazie al chimografo di Karl Ludwig.
Per le sue ricerche sulla fatica, Mosso conduce numerose esperienze in montagna ad alta quota, pubblicando nel 1897 il volume La fisiologia dell'uomo sulle Alpi. Per questo, accanto al Laboratorio di fisiologia di Torino, collocato prima in via Po e poi nei nuovi locali del complesso universitario di corso Raffaello, nel 1893 dà vita al laboratorio della Capanna Regina Margherita sul Monte Rosa. Qui egli svolge studi di fisiologia, concentrandosi sul mal di montagna, sulla meteorologia e la fisica terrestre, mentre presso i laboratori del Col d'Olen conduce esperimenti sulla riduzione della quantità di anidride carbonica nel sangue.
Tra il 1898 e il 1900 tiene alcune conferenze negli Stati Uniti, raccontando le sue impressioni di viaggio nel volume La democrazia nella religione e nella scienza. Studi sull'America (1901). Autore di numerosi libri, saggi e articoli, in tarda età s'interessa anche di archeologia e paleontologia.
All'inizio del Novecento gli vengono assegnate importanti cariche istituzionali: nell'anno accademico 1899-1900 è nominato rettore dell'Università di Torino, mentre nel 1904 è eletto senatore.

Elena Canadelli
12/12/2012

Bibliografia

Alloatti, G. e Lovisolo, D. (1999). Angelo Mosso. In La facoltà di scienze matematiche fisiche naturali di Torino 1848-1998. Tomo II. I Docenti. Torino: Deputazione subalpina di storia patria.  
Angelo Mosso: la sua vita e le sue opere (1912). Milano: Treves. 
Avena, E. (1962). Educazione fisica e democrazia nel pensiero di Angelo Mosso. Napoli: Tip. Stem.
Felsch, P. (2007). Laborlandschaften. Physiologische Alpenreisen im 19. Jahrhundert. Göttingen: Wallstein Verlag.
Ferretti, L. (1951). Angelo Mosso, apostolo dello Sport. Milano: Garzanti. 
Foà, P. (1911). Angelo Mosso: commemorazione letta alle classi unite della R. Accademia delle scienze di Torino nella seduta del 14 maggio 1911. Torino: Bona. 
Giulio, L.F. (1992). Angelo Mosso: contributo alla neurofisiologia. Giornale della Accademia di medicina di Torino, 154, 127-133. 
Gori-Savellini, S. (1986). La misura del tempo nel laboratorio di psicologia sperimentale. In Barsanti, G. (a cura di). Misura dell'uomo. Strumenti, teorie e pratiche dell'antropometria e della psicologia sperimentale tra '800 e '900 (pp. 85-118). Firenze: Istituto e Museo di storia della scienza. 
Gravela, E. (1993). Angelo Mosso. In L'Università di Torino. Profilo storico e istituzionale. Torino: Pluriuniverso.
Guarnieri, P. (1996). Angelo Mosso. In Tort, P. (a cura di). Dictionnaire du Darwinisme et de l'Évolution (pp. 3103-3104), v. 2. Paris: Presses Universitaires de France.
Herlitzka, A. (1911). Commemorazione del prof. Angelo Mosso. Torino: Unione tipografico-editrice. 
Leonoris, C. (2007). La scienza oltre le nuvole: 100 anni di storia dell'Istituto scientifico Angelo Mosso al Col d'Olen sul Monte Rosa. Alagna Valsesia: Zeisciu. 
Lombardo, G.P., Pompili, A., Mammarella, V. (2002). Psicologia applicata e del lavoro in Italia: studi storici. Milano: Franco Angeli.
Losano, G. (1997-98). Profilo di Angelo Mosso. Quaderni di Storia dell'Università di Torino, 2-3, 527-537.
Losano, G. (2004). Angelo Mosso. In Maestri dell'Ateneo torinese dal Settecento al Novecento. Torino: Università di Torino. 
Losano, G. e Cantino, D. (2003). Un laboratorio di ricerca sul Monte Rosa: l'Istituto Angelo Mosso al Col d'Olen. In Giacobini, G. (a cura di), Memoria della scienza (pp. 257-260). Torino: Fondazione CRT. 
Nani, M. (1996). Fisiologia sociale e politica della razza latina. Note su alcuni dispositivi di naturalizzazione negli scritti di Angelo Mosso. In Burgio, A. e Casali, L. (a cura di), Studi sul razzismo italiano (pp. 30-60). Bologna: Clueb. 
Nani, M. (2001). Introduzione. In Mosso, A. La Fatica. Firenze: Giunti.
Pareti, G. (2005). La R. Università di Torino e i laboratori scientifici sul Monte Rosa tra Otto e Novecento. In Storia della medicina di montagna: passato, presente, futuro (pp. 123-128). Firenze: Istituto geografico militare. 
Passione, R. (2001). Mente e lavoro: le prime ricerche in Italia fra laboratorio e officina. Nuncius, 16 (1), 211-235.
Pinotti, O. (1988). Angelo Mosso. In Tra società e scienza: 200 anni di storia dell'Accademia delle scienze di Torino. Saggi, documenti, immagini (pp. 168-171). Torino: Allemandi. 
Pogliano, C. (1982). Inquietudini della scienza positiva. Giornale critico della filosofia italiana, 61 (2), 207-221. 
Rabinbach, A. (1992). The Human Motor: Energy, Fatigue, and the Origins of Modernity. Los Angeles: University of California Press.  
Sinatra, M. (1999). L'aurora della psicotecnica. Bari: Laterza. 
Sinatra, M. (2000). La Psicofisiologia a Torino: A. Mosso e F. Kiesow. Lecce: Pensamultimedia.
back to top