Gaetano Kanizsa

Trieste, 18 Agosto 1913 – Trieste, 13 Marzo 1993

Biografia

Kanizsa è considerato uno dei maggiori esponenti della ricerca percettologica italiana. Si definiva infatti uno studioso dei processi cognitivi, in particolare di quelli percettivi, e le sue idee teoriche si indirizzavano verso le teorie gestaltiste.
Nato da padre ebreo ungherese e madre slovena, compì gli studi classici a Trieste e studiò filosofia a Padova, dove si laureò nel 1938 con Cesare Musatti, discutendo una tesi sulle immagini eidetiche.
Durante gli studi universitari, per motivi economici, si dedicò all’insegnamento scolastico, dal quale fu presto allontanato a seguito della promulgazione delle leggi razziali.
Nel 1943, anno in cui si recò a Roma per unirsi alla lotta clandestina, incontrò Luigi Meschieri, che riuscì a farlo lavorare come ricercatore presso l’Istituto di psicologia del CNR di Roma, dove si dedicò allo studio della percezione tachistoscopica.
Nel 1947 divenne assistente di Fabio Metelli a Firenze e successivamente di Musatti a Milano. Il lavoro sulla polarizzazione del movimento gamma, ormai un classico, prese forma proprio durante il periodo fiorentino, così come alcuni lavori sulla stimolazione intermittente della retina.
Nel 1953 ottenne la cattedra di psicologia all’Università di Trieste, mantenendola fino al 1988, anno in cui raggiunse il pensionamento e fu nominato professore emerito. Nell’ateneo fondò l’Istituto di psicologia, dove avviò un’attività di ricerca sperimentale che proseguì fino alla morte. Un sottile filo rosso lega le ricerche svolte a Milano con quelle del primo periodo triestino: il tema dei margini quasi percettivi, al quale sarebbe stata legata negli anni ’70 la sua notorietà internazionale. Il famoso triangolo con margini quasi percettivi fu presentato per la prima volta nel 1954 al X Congresso degli psicologi italiani di Chianciano, ma divenne rapidamente uno dei fenomeni percettivi più studiati, con la pubblicazione nel 1976 su Scientific American di un articolo sui Subjective Contours.
La definitiva consacrazione della sua fama internazionale si ebbe nel 1979, con la pubblicazione di Organization in Vision. Si trattava di una monografia in cui erano raccolti i suoi saggi più importanti, tra cui quello da cui emergeva l’idea teorica fondamentale dei suoi ultimi 15 anni: la distinzione tra processo primario e processo secondario, che rompeva con l’ortodossia gestaltista di cui fino a quel momento era stato un rigido custode dell’inscindibilità tra processi di visione e processi di pensiero.
Tra i molteplici argomenti da lui trattati durante la sua attività di ricerca sperimentale e teorica, spiccano le ricerche sulla numerosità, sul completamento amodale, sulla trasparenza fenomenica, sulla pregnanza come ostacolo al problem-solving e sulla percezione cromatica. Ma il suo interesse verso i fenomeni percettivi non gli impedì di dedicarsi anche ad altre aree di ricerca: nel 1951 e nel 1953 pubblicò ad esempio tre lavori sul test di Toulouse e Piéron, su frustrazione e aggressività e sugli errori metodologici durante la validazione di strumenti psicodiagnostici per la valutazione della personalità.
Kanizsa fu sicuramente uno dei maggiori propulsori della psicologia scientifica italiana, anche grazie all’istituzione nel 1969, presso l’Istituto di psicologia di Trieste, di incontri scientifici in cui tutti i ricercatori italiani avevano occasione di incontrarsi e discutere sulle ricerche in corso.

Grazia Caporusso
03/07/2009

Bibliografia

AA.VV. (2002). Moltitudine di impronte. Gaetano Kanizsa. Sordeviolo: Zero Gravità.
Albertazzi, L. (Ed.) (2003). The Legacy of Gaetano Kanizsa. In Cognitive Science [special issue].
Bozzi, P. (a cura di) (1997). Prefazione. In Grammatica del vedere. Saggi su percezione e Gestalt. Bologna: Il Mulino.
Bruno, N., & Bernardis, P. (2002). Dissociating perception and action in Kanizsa's compression illusion. Psychonomic Bulletin & Review, 9, 723-730.
Gerbino, W. (a cura di) (1985). Conoscenza e struttura. Festschrift per Gaetano Kanizsa. Bologna: Il Mulino.
Gerbino, W. (1993). Gaetano Kanizsa (1913-1993). Percepitoti, 22, 877-878.
Luccio, R. & Gerbino, W. (a cura di) (1993). Biografia di G. Kanizsa. Giornale italiano di psicologia, XX (2).
Luccio, R. (2003). The emergence of Prägnanz: Gaetano Kanizsa's legacies. Axiomathes, 9, 1-23.
Vicario, G.B. (1994). Gaetano Kanizsa. The Scientists and the Man. Japanese Psychological Research, 36(3), 126-137.

Opere

(1938). Contributo allo studio della distribuzione quantitativa dei fenomeni eidetici. Atti del Reale Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 47, II, 285-302.
(1948). Un’esperienza concreta nel campo dell’orientamento professionale: il Centro di Orientamento dei Convitti Scuola della Rinascita. Atti I Congresso Nazionale di Orientamento Professionale, 3-7.
(1950). Per una graduazione italiana della scala di Terman e Merrill. Nota sulla costruzione del campione. Roma: Istituto Nazionale di Psicologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche.
(1950) (con Meschieri, L.). Di alcuni problemi della percezione tachistoscopica. Contributi del Centro sperimentale della Commissione Permanente per le Applicazioni della Psicologia, del CNR (1939-1946). Roma: 3-10.
(1951a). Ricerche sperimentali sul significato della prova di Toulouse e Piéron. Archivio di Psicologia, Neurologia e Psichiatria, 12, 1-19.
(1951b). Sulla polarizzazione del movimento gamma. Archivio di Psicologia, Neurologia e Psichiatria, 12, 224-267.
(1951c). L’atteggiamento dei soggetti di fronte alla diagnosi della propria personalità. Atti IX Convegno degli Psicologi Italiani: 275-276.
(1951d). Fenomeni percettivi con stimolazione intermittente della retina. Archivio di Psicologia, Neurologia e Psichiatria, 12, 549-555.
(1952). Legittimità di una analisi del processo percettivo fondata su una distinzione in “fasi” o “stadi.Archivio di psicologia, Neurologia e Psichiatria, 13, 292-322.
(1953). Sulla validità delle diagnosi di personalità. Archivio di psicologia, Neurologia e Psichiatria, 13, 1-25.
(1953). Frustrazione ed aggressività. Psiche, 19, 761-776.
(1954). Il gradiente marginale come fattore dell’aspetto fenomenico dei colori. Archivio di Psicologia, Neurologia e Psichiatria, 15, 251-64.
(1954). Alcune osservazioni sull’effetto Musatti. Archivio di Psicologia, Neurologia e Psichiatria, 15: 265-271.
(1954). Linee virtuali e margini fenomenici in assenza di discontinuità di stimolazione.Atti 10° Convegno degli psicologi italiani. Ed. V. Lazzeroni, Firenze: Editrice Universitaria.
(1955). Margini quasi percettivi in campi con stimolazione omogenea. Rivista di Psicologia, 49 (1):7-30.
(1955). Condizioni ed effetti della trasparenza fenomenica. Rivista di Psicologia, 49(3), 3-19.
(1955). Frustrazione ed aggressività: un contributo sperimentale. Rivista di Psicoanalisi, 1, 21-34.
(1956). Il fattore empirico nella percezione. Rassegna di psicologia generale e clinica, 1, 3-9.
(1956) (con Metelli, F.). Connessione di tipo causale tra eventi percettivi: l’effetto attrazione e l’effetto lancio inverso. Atti Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 68.
(1957). Gradient marginale et perception chromatique. In Problèmes de la couleur, ed. I. Meyerson, 107-114. Paris: SEVPEN.
(1957) (con Metelli, F.). L’orientation relative del mouvements dans la perception de causalitè. XV Congès International de Psychologie. Bruxelles.
(1959-1960) (con Metelli, F.). Risultati di una serie di esperienze sull’effetto di attrazione fenomenica. Atti 11° Congresso degli Psicologi Italiani. Milano: Vita e Pensiero, 1-10.
(1960). Randform und Erscheinungsweise von Oberfl ӓ chen, Psyschologische, Beitrӓge, 5, 93-101. 
(1961) (con Metelli, F.) . Recherches exèrimentales sur la perception visuelle d’attraction.Journal de Psychologie Normale et Pathologique. 58: 385-420.
(1961). Cosa si intende per percezione. Atti 13° Convegno degli psicologi italiani. Firenze: 23-28.
(1966). Die Erscheinungsweisen der Farben, in W. Metzger, Handbook der Psyschologie.Allgemeine Psychologie, Vol1: Wahrehmung und Bewubtsein, Gottingen: Hogrefe, 161-191.
(1968). Percezione attuale, esperienza passata e “l’esperimento impossibile”. In Ricerche sperimentali sulla percezione, a cura di G. Kanizsa e G. Vicario, 9-48. Trieste: Edizioni Università degli Studi.
(1968). Erfahrung und Wahrnehmung. Studia psychologica, 10: 174-182.
(1968) (con Vicario, G.) (a cura di). Ricerche sperimentali sulla percezione. Trieste: Edizioni Università degli Studi.
(1968) (con Vicario, G.). La percezione della reazione intenzionale. In Ricerche Sperimentali sulla Percezione, a cura di Kanizsa G. e Vicario G., 69-126. Trieste: Edizioni Università degli Studi.
(1968) (con Tampieri, G.). Nuove osservazioni sull’orientamento retinico ed ambientale. InRicerche sperimentali sulla percezione, a cura di G. Kanizsa e G. Vicario, 49-68. Trieste: Edizione Università degli Studi.
(1969). Perception, Past Experience and the impossibile experiment. Acta Psychologica, 31: 66-96.
(1970). Amodale Ergӓnzungen und Erwartungsfehler des gestaltpsychologen. Psychologische forschung, 33: 325-344.
(1970). Di alcuni luoghi comuni sulla psicologia della gestalt. Rivista di Psicologia, 66:3-18.
(1972). Schrumpfung von visuellen feldern bei amodaler erg ӓnzung. Studia psychological, 14(13): 208-210.
(1972). “Errore del gestaltista” ed altri errori da aspettativa. Rivista di psicologia, 66:3-18.
(1973). Il problem solving nella psicologia della Gestalt. In G. Mosconi e V. D’Urso (eds.). La soluzione dei problemi. Firenze, Giunti.
(1975). The role of regularity in perceptual organization. In Studies in perception, ed. G. Flores d’Arcais, 48-66. Firenze: Martello-Giunti.
(1975). Amodal completion and phenomenal shrinkage of surfaces in the visual field. Italian Journal of Psychology, 2, 187-195.
(1975). Some new demonstrations of the role of structural factors in brightness contrastIn Gestalttheorie in der modernen psychologie, eds. S. Ertel, L. Kemmler und M. Stadler.Darmstadt: Steinkopff, 219-226.
(1975) (con Legrenzi, P. & Meazzini, P.). I processi cognitivi. Bologna: Il Mulino.
(1976). Subjective Countours. Scientific American, 234(4), 48-52.
(1976). Contorni soggettivi. Le Scienze, 30-36.
(1976). Estesiometria. In Enciclopedia Medica Italiana, V.
(1976). Vedere e pensare. In AA. VV. Problemi epistemologici della psicologia, 88-97. Milano. Vita e Pensiero.
(1976) (con Gerbino, W.). Convexity and simmetry in figure-ground organization. In Vision and Artifact, ed. M. Henle, 25-32. New York: Springer.
(1976) (con Grubissa, B.). Facilitation from above and facilitation from below in solving a problem. Italian Journal of Psychology, 3: 421-430.
(1976) (con Tampieri, G.). Environmental and retinal frames of reference in visual perception. Italian Journal of Psychology, 2: 317-332.
(1976) (con Vicario, G.). Caratteri espressivi ed intenzionali dei movimenti: la percezione della reazione. Rivista di psicologia, 61, 319-321.
(1978b). La teoria della Gestalt: distorsioni e fraintendimenti, in Psicologia della Gestalt e psicologia cognitivista, a cura di G. Kanizsa e P. Legrenzi, Bologna: Il Mulino.
(1978) (con Luccio, R.). Espansione fenomenica di superfici in condizioni di completamento amodale. Reports of the Institute of Psychology, Trieste.
(1979). Organization in Vision, New York, Praeger.
(1980). Grammatica del vedere, Bologna, Il Mulino.
(1980) (con Gerbino, W.). Il completamento amodale tra vedere e pensare. Reports of theInstitute of Psychology, Trieste.
(1980) (con Minguzzi, G.F.). Contrasto e assimilazione di chiarezza. Reports of the Institute of Psychology. Trieste.
(1981) (con Luccio, R.). Stima del numero e impressione di numerosità. Due processi di natura diversa. Reports of the Institute of Psychology, Trieste.
(1981) (con Luccio, R.). L’incompletezza figurale come fattore di sottostima della numerosità.Reports of the Institute of Psychology, Trieste.
(1981) (con Gerbino, W.). Il completamento amodale tra vedere e pensare. Giornale Italiano di Psicologia, 8: 279-307.
(1981) (con Masini, R. & Perussia, F.). Margini anomali netti e sfumati. Reports of the Institute of Psychology, Trieste.
(1982) (con Masini, R. & Perussia, F.). Differenze funzionali tra margini anomali netti e margini anomali sfumati. Reports of the Institute of Psychology, Trieste.
(1982) (con Gerbino, W.). Amodal Completion: Seeing and Thinking?. In Organization and Representation in Perception, ed. J. Beck. Hillsdale, NJ: LEA, pp. 167-190.
(1982). È mascherato solo ciò che può essere smascherato. In Sul mascheramento visivo. Report n. 57, Università di Padova, Istituto di Psicologia: 23-65.
(1984) (a cura di). Fenomenologia sperimentale della visione. Milano: Franco Angeli.
(1984) (con Luccio, R.). La pregnanza e le sue ambiguità. Reports of the Institute of psychology, Trieste.
(1984) (con Minguzzi, G.F.). Contrasto e assimilazione di chiarezza. In Fenomenologia sperimentale della visione, a cura di Kanizsa G. Milano: Franco Angeli.
(1984) (con Minguzzi, G.F.). Sulla differenziazione anomala del contrasto di chiarezza. InFenomenologia sperimentale della visione, a cura di Kanizsa G. Milano: Franco Angeli.
(1985) (con Luccio, R.). La pregnanza e le sue ambiguità. Psicologia Italiana, 1: 11-39.
(1985). Vedere e pensare. Ricerche di psicologia, 4:7-42.
(1985). Seeing and thinking. Acta Psychologica, 59: 23-33.
(1986) (con Luccio, R.). Die Doppeldeutigkeiten der Prӓgnanz. Gestalt Theory, 8: 99-135.
(1987) (con Luccio, R.). Formation and categorization of visual objects: Höffding’s never confuted bus always forgotten argument. Gestalt Theory, 9: 111-127.
(1987). Quasi-perceptual margins in homogeneously stimulated fields. (with a 1986 addendum). In The perception of illusory contours. Ed. S. Petry & G.E. Meyer. New York: Springer, 40-49.
(1987) (con Gerbino, W.). Can we see constructs? In The Perception of Illusory Contours. Ed. S. Petry & G. E. Meyer. New York: Springer, 246-252.
(1988) (con Masini, R.). Margini anomali netti e sfumati in condizioni stereo cinetiche.Rapporto Tecnico Istituto di Psicologia, Università di Milano, 1-15.
(1988). Comunicare per immagini: problemi di lettura percettiva. In Linguaggi visivi. Storia dell’arte e psicologia della percezione. Roma: Multigrafica.
(1988). Idee guida della gestalt nello studio della percezione, in L’eredità della psicologia della gestalt, a cura di N. Caramelli e G. Kanizsa. Bologna: Il Mulino, 11-32.
(1988) (con Caramelli, N.) (a cura di). L’eredità della psicologia della gestalt. Bologna, Il Mulino.
(1989) (con Luccio, R.). Fenomenologia della formation di un ordine autonomo nella percezione. Rivista di Psicologia, 74: 28-46.
(1989) (con Massironi, M.). Presenza amodale e interazione mentale nella rappresentazione pittorica. In Pensiero e visione in Rudolph Arnheim, a cura di A. Garau. Milano: F. Angeli, 134-162.
(1982) (con Legrenzi, P. & Sonino, M.). I processi cognitivi. Bologna, Il Mulino.
(1990) (con Luccio, R.). The phenomenology of autonomus order formation in perception. In: Haken, H. & Stadler, M. (eds): Synergetics of Cognition, Berlin: Springer, 186-200.
(1991). Vedere e pensare. Bologna, Il Mulino.
(1993) (con Luccio, R.). Visual cognition. La Nuova Critica, n. 21: 3-20.
(1993)(con Renzi, P., Conte, S., Compostela, C. & Guerani, L.). Amodal completino in mouse vision. Perception 22(6), 713-721.
(1994) Gestalt theory has been misinterpreted, but also has had some real conceplyual difficulties. Philosophical Psychology, 7, 149-162.
(1994) (con Kruse, P., Luccio, R. & Stadler, M.). Conditions of Visibility and Actual Paths.Japanese Psychological Research, 36: 113-120.
(1995) (con Luccio, R.). Multistability as a research tool in experimental phenomenology. In Stadler, M. & Kruse, P. (eds): Perceptual Multistability and Semantic Ambiguity, Berlin: Springer, 47-68.
back to top