La raccolta fotografica di Elvio Fachinelli

Soggetto produttore

Le carte di Elvio Fachinelli sono andate disperse nel corso degli anni, ma la figlia Giuditta conserva a Milano una raccolta fotografica di 43 positivi del periodo compreso tra il 1969 e il 1985 circa, per lo più rappresentativi dell'attività professionale del padre. Sono presenti anche scatti che mostrano momenti di vita privata e ritraggono Fachinelli insieme ai familiari. Le fotografie sono state selezionate dalla figlia tra quelle ancora presenti all'interno dell'archivio fotografico di famiglia, conservato presso l'abitazione privata.
L'erede ha gentilmente concesso al Centro Aspi – Archivio storico della psicologia italiana di digitalizzare il materiale e organizzarlo sommariamente secondo un ordine tematico. Sono stati individuati due nuclei principali che si riferiscono a servizi fotografici, entrambi della fotografa Lisetta Carmi: il primo risale al 1970 e mostra Elvio Fachinelli con i bambini dell’Asilo di Corso di Porta Ticinese a Milano, un’esperienza di asilo autogestito nata nel 1970 e durata tre anni; nel secondo è testimoniata la presenza di Fachinelli al “26th International Psycho Analytical Congress” tenutosi a Roma nel 1969, a cui parteciparono Jacques Lacan, Cesare Musatti, Mauro Mancia e altri, ritratti con lui in foto di gruppo.
Un terzo nucleo di stampe fotografiche presenta invece una serie di ritratti di Elvio Fachinelli colto in pose singole, in coppia (ad esempio accanto al critico letterario Piergiorgio Bellocchio) e in gruppo, databili tra il 1982 e il 1985.
Tra gli autori delle fotografie si riconoscono: Sergio Borsotti del Corriere della Sera, Lisetta Carmi, Carla Cerati, Giambattista Chiodi, Roby Schirer.
Dopo il lavoro di scansione e di riordino, i fototipi sono stati riconsegnati all’erede nel maggio 2015.

Daniela Scala
15/10/2015
back to top