Consultorio universitario per l’orientamento professionale (CUOP) di Firenze

Nel 1945 l’Istituto di psicologia dell’Università di Firenze, diretto dal Prof. Alberto Marzi, in accordo con l'Associazione aiuti ed assistenti universitari e con l'Interfacoltà dette vita ad un Consultorio universitario per l'orientamento professionale (CUOP). ll suo scopo fu, inizialmente, quello di andare incontro alle difficoltà che gli studenti reduci dalla guerra trovavano nel reinserirsi nel corso degli studi universitari da lungo tempo interrotti. Risolte lentamente queste situazioni tipiche del dopoguerra, affluirono man mano al CUOP richieste di orientamento di significato diverso (attività  prevalentemente informativa nei riguardi dei giovani che frequentavano gli ultimi anni dei licei classici e scientifici, soprattutto mediante cicli di conferenze e compilazione di questionari, consulenza e colloqui individuali con studenti in situazione di disagio) fino ad una organizzazione complessa, articolata in una serie di attività psico-diagnostiche e psico-terapeutiche.
L'obbiettivo principale dell'orientamento era quello di costruire uno strumento preventivo nei riguardi delle alterazioni della personalità in formazione, sulla base di accertamenti delle caratteristiche individuali proprio nella fase in cui si concretizzava una scelta  che avrebbe avuto un significato determinante per il futuro inserimento dei giovani nella vita professionale.
L'attività del CUOP veniva svolta da assistenti dell'Istituto di psicologia dotati di specifica competenza, a titolo volontario e gratuito.

Laura Mori
30/04/2016

Bibliografia

Ferrara Mori, G., Iandelli, C. (1963). Prospettive psicologiche nello studio dei problemi dell’igiene mentale universitaria, Bollettino di psicologia applicata, 57-58, 45-60.
Sirigatti, S. (1967). Le applicazioni della psicologia a Firenze (L'orientamento scolastico e professionale). Siena: Tipografia delle Edizioni Cantagalli.
back to top