Archivio italiano di psicologia

L'Archivio italiano di psicologia fu fondato nel 1919 a Torino dallo psicologo Federico Kiesow e da padre Agostino Gemelli, con la collaborazione poco più che formale di Vittorio Benussi, Cesare Colucci, Sante De Sanctis, Enrico Morselli e Mario Ponzo. La redazione e l'amministrazione erano situate presso il Laboratorio di psicologia sperimentale della Regia Università di Torino. Il programma della rivista venne sinteticamente esposto dai due direttori nell'editoriale del primo numero, apparso nel luglio 1920: "La psicologia è per noi una scienza; i suoi metodi sono l'osservazione e lo sperimento […]. Noi siamo persuasi di apportare per queste vie alla nostra scienza un reale contributo".
La collaborazione fra Kiesow e Gemelli si esaurì con il primo numero. Già dal secondo volume, pubblicato nel 1923, Kiesow apparve come unico direttore e amministratore della rivista. Di fatto egli ne era il proprietario e la sosteneva quasi interamente con il suo personale sforzo finanziario.
L'Archivio, concepito come espressione dell'Istituto di psicologia di Torino, si caratterizzò per l'orientamento sperimentale dei suoi lavori, che si estendevano alla psicofisica, alla psicologia differenziale, alla psicologia comparata, alla storia della psicologia e alla psicologia dei popoli – testimonianza, quest'ultima, dell'indirizzo wundtiano delle ricerche di Kiesow. Uscì con periodicità irregolare, in 13 volumi, fino al 1935, quando Kiesow, ritiratosi dalla vita accademica, lasciò la direzione all'allievo Alessandro Gatti. Questi cambiò il nome del periodico in Archivio italiano di psicologia generale e del lavoro, destinandolo alla pubblicazione di articoli di psicologia del lavoro e di psicotecnica. Alla morte di Gatti, avvenuta prematuramente nel 1938, subentrò Angiola Massucco Costa, che diresse la rivista fino alla cessazione delle pubblicazioni nel 1942.

Marina Manotta
07/05/2010

Bibliografia

Corallini Vittori, A.G. (2006). Alessandro Gatti scienziato e umanista. Torino: Antigone Edizioni.
Marhaba, S. (1981). Lineamenti della psicologia italiana, 1870-1945. Firenze: Giunti.
Perussia, F. (2008). Note sui periodici della ricerca scientifica in psicologia all'Università di Torino, su Federico Kiesow e sull'«Archivio italiano di psicologia». Giornale di Psicologia, 2 (3), 277-291.
Ponzo, M. (1940). Federico Kiesow (1858-1940). Rivista di psicologia, 36, 173-174.
Sinatra, M. (1998). Federico Kiesow. In G. Cimino & N. Dazzi (a cura di), La psicologia in Italia. I protagonisti e i problemi scientifici, filosofici e istituzionali (1870-1945) (pp. 323-370). Milano: LED.
back to top