Patrimonio strumentale dell’Istituto nazionale neurologico Carlo Besta

L’istituto nazionale neurologico Carlo Besta conserva una collezione storica di strumenti tecnico-scientifici, composta da circa 44 oggetti databili tra l’inizio e il terzo quarto del Novecento, frutto del lavoro di recupero di materiali dismessi dai diversi reparti e studi medici effettuato dalla dottoressa Saba Motta, responsabile della Biblioteca scientifica e del paziente. 
La collezione è attualmente esposta in un piccolo museo situato all’ingresso della biblioteca. Ogni oggetto è accompagnato da una didascalia e affiancato da documenti d’archivio e volumi a stampa di corredo. Completa la collezione un mobile istoteca, collocato accanto alla vetrina che custodisce la strumentazione scientifica, che conserva circa 480 vetrini istologici di neuropatologia.

ELENCO DI CONSISTENZA

1.
n. 10 flaconi:
– boccetta da farmacia contenente blu di metilene, terzo quarto del XX sec.
– boccetta per reagenti contenente neutral rosso, terzo quarto del XX sec.
– set di vasi contenenti sapori e odori per l’esame neurologico, prima metà del XX sec.

2.
Stetoscopio monoaurale, inizio del XX sec.

3.
Set per puntura lombare, terzo quarto del XX sec.

4.
Apparecchio di Ombrédanne da anestesia (inalatore per etere), primo quarto del XX sec.

5.
Goldman Halothane Vaporizer (vaporizzatore per alotano) prodotto dalla ditta “British Oxygen Company Limited”, terzo quarto del XX sec.

6.
Set per la misurazione della pressione spinale (sfigmo oscillografo), anni ’40-50 del Novecento

7.
Elettrocardiografo, anni quaranta del Novecento

8.
Centrifuga elettrica, anni sessanta del Novecento

9.
Cronometro, anni trenta del Novecento

10.
Pinza ossivora, 1940.

11.
Scalpello, prima metà del XX sec.

12.
Lima per osso, prima metà del XX sec.

13.
Elettrocoagulatore con manico in bachelite, seconda metà del XX sec.

14.
Set di aghi per suture, terzo quarto del XX sec.

15.
Forbice a polipo, seconda metà del XX sec.

16.
Forbici di Potts-Smith, seconda metà del XX sec.

17.
Divaricatore Weitlaner-acuto, prima metà del XX sec.

18.
Trapano a mano, seconda metà del XX sec.

19.
Divaricatore, prima metà del XX sec.

20.
Spatole, seconda metà del XX sec.

21.
Divaricatore Weitlaner-loktite, prima metà del XX sec.

22.
Tenaculum, prima metà del XX sec.

23.
Pinza da punti a V in argento, seconda metà del XX sec.

24.
Trapano a mano, 1940

25.
Tonometro oculare del prof. Schiötz per la misurazione della pressione intraoculare, 1955

26.
Elettrocoagulatore, seconda metà del XX sec.

27.
Cannule per tracheotomia

28.
Schizzettone, seconda metà del XX sec.

29.
Vetrini istologici 
Si tratta di circa 480 vetrini istologici di neuropatologia, collocati in 3 cassetti del mobile istoteca (circa 160 per cassetto) e suddivisi per paziente

Daniela Scala
20/07/2015
back to top