Minuta di lettera circolare di Giulio Cesare Ferrari a “Egregio Collega”

Bologna, 15 luglio 1924

Egregio Collega
Il movimento in favore dell'"Igiene Mentale" va diffondendosi e incontra simpatie sempre più larghe. Dopo la pubblicazione [del] programma avvenuta nella mia "Rivista di psicologia" e qui allegata, dopo gli articoli apparsi nella "Voce sanitaria" del Tumiati [1] e sulla "Difesa sociale" di Ettore Levi [2], molte adesioni attive e fattive sono giunte, le quali rivelano che la questione è sentita e che sembra giunto il momento opportuno per "fare" tutto quello che si può.
Appare così necessario o almeno assai opportuno a molti che non ne hanno scritto tenere un Convegno, a Bologna, nella prima metà di ottobre (12 e 13), non tanto per coordinare le idee e i propositi quanto per stabilire il campo e i modi specifici della branca italiana della Lega per l'Igiene Mentale, la quale troverebbe così qui il suo vero atto di costituzione.
Bologna, la saggia antica, accoglie sempre benevolmente e lietamente coloro che si riuniscono per nobili fini.
È a nome del Presidente [3] e di quasi tutti i membri del Comitato provvisorio che il sottoscritto dirama questo invito che si dirige naturalmente a tutti gli uomini di buona volontà che abbiano qualche cosa di nuovo e di utile da suggerire perché la branca italiana della Lega per l'Igiene Mentale acquisti una estensione degna dell'utilità sociale che si propone.
Per ben cominciare non si chiedono, per ora, quote di adesione e il sottoscritto è agli ordini di ciascuno che voglia (con cartolina doppia) assicurarsi un alloggio negli alberghi di cui la Categoria è segnata nella Guida del Touring.
La 1a riunione avverrà in una Sala degli uffici provinciali la mattina di domenica 12 ottobre alle ore 10.
 
[1] Corrado Tumiati (1885-1967), psichiatra e scrittore ferrarese vissuto a Firenze, fondatore nel 1921 della rivista «Igiene mentale», organo della Lega italiana di igiene e profilassi mentale.
[2] Ettore Levi, fondatore nel 1922 dell'Istituto italiano di igiene, previdenza ed assistenza sociale.
[3] Leonardo Bianchi (1848-1927).
 
back to top