Wilhelm Wundt

Neckarau (Mannheim), 16 Agosto 1832 – Lipsia, 31 Agosto 1920

Biografia

Dopo un breve periodo di studi di medicina a Tubinga, Wundt passò all'Università di Heidelberg, dove cominciò a interessarsi di fisiologia. Continuò gli studi a Berlino con Johannes Müller ed Emil Du Bois-Reymond e si laureò a Heidelberg nel 1856, con una tesi in fisiologia. Nello stesso anno conseguì l'abilitazione come docente di fisiologia.
All'Università di Heidelberg fu dapprima assistente di Hermann von Helmholtz e in seguito, dal 1864, professore straordinario di antropologia e psicologia medica.
Nel 1874 fu chiamato a coprire la cattedra di filosofia induttiva all'Università di Zurigo e nel 1875 quella di filosofia a Lipsia, dove rimase fino alla fine della sua lunga e intensa carriera.
A Lipsia fondò nel 1879 il primo Laboratorio di psicologia sperimentale, dove si formarono decine di allievi, a loro volta fondatori di istituti e laboratori in Germania e all'estero, in particolare in America. Fra questi si annoverano James McKeen Cattell, Granville Stanley Hall, Charles Hubbard Judd, Oswald Külpe, Ernst Meumann, Hugo Münsterberg, Charles Spearman, Edward Bradford Titchener.
Organo del laboratorio di Wundt fu la rivista Philosophische Studien, fondata nel 1883 e cessata nel 1903, che riprese poi le pubblicazioni nel 1906 con il titolo di Psychologische Studien, rimanendo attiva fino al 1917.
A Wundt si riconosce il merito di aver dato autonomia alla psicologia come scienza, con l'istituzionalizzazione accademica della disciplina.
Oggetto della psicologia è per Wundt l'esperienza immediata, mentre le scienze naturali fanno riferimento all'esperienza mediata, ovvero sottoposta a inferenze e concettualizzazioni. Per accedere all'esperienza psicologica si utilizza l'introspezione, che secondo Wundt deve essere supportata per ovviare alle difficoltà e alle obiezioni a cui aveva tradizionalmente dato luogo dall'esperimento psicologico, inteso come strumento atto a evocare, mantenere e modificare gli stati interni, operando sistematicamente sulle variabili sperimentali, ossia sui parametri di stimolazione.
Il metodo sperimentale, caratterizzato dalla possibilità di controllare e manipolare sistematicamente le variabili in gioco, si applica tuttavia solo ai contenuti psichici elementari isolabili attraverso l'analisi; tutti i contenuti complessi, che non rispettano le condizioni indicate in quanto non stanno in rapporto diretto con le variabili sperimentali, hanno la loro sede adeguata di indagine al di fuori della psicologia individuale e vanno trattati nell'ambito della "psicologia dei popoli". In tale ambito, attraverso il ricorso all'osservazione e a un metodo storico-comparativo, si indagano i prodotti obiettivi a cui mettono capo i processi psichici superiori, come la lingua, i miti, i costumi, considerati come espressioni non già della mente individuale ma delle "comunità spirituali".

Mauro Antonelli e Verena Zudini
05/11/2009

Bibliografia

Ash, M. G. (1980). Experimental psychology in Germany before 1944: Aspects of an academic identity problem. Psychological research42, 75-86.
Blumenthal, A. L. (1975). A reappraisal of Wilhelm Wundt. American psychologist30, 1081-1088.
Blumenthal, A. L. (1985). Wilhelm Wundt: Psychology as the propaedeutic science. In C. E. Buxton (a cura di), Points of view in the modern history of psychology. Orlando: Academic Press.
Boring, E. G. (1942). Sensation and perception in the history of experimental psychology. New York: Appleton-Century-Crofts.
Boring, E. G. (19502). A history of experimental psychology. New York: Appleton-Century-Crofts.
Bringmann, W. G., & Balk, M. M. (1983). Wilhelm Wundt's publication record: A re-examination.Storia e critica della psicologia4, 61-86.
Bringmann, W. G., & Scheerer, E. (a cura di) (1980). Wundt centennial issue. Psychological research42, 1-189.
Bringmann, W. G., & Tweney, R. D. (a cura di) (1980). Wundt studies: A centennial collection. Toronto: Hogrefe.
Bringmann, W. G., & Ungerer, G. (1980). The establishment of Wilhelm Wundt's Leipzig laboratory.Storia e critica della psicologia1, 11-28.
Danziger, K. (1979). The positivist repudiation of Wundt. Journal of the history of the behavioral sciences15, 205-230.
Danziger, K. (1990). Constructing the subject: Historical origins of psychological research. Cambridge: Cambridge University Press. Trad. it. La costruzione del soggetto. Le origini storiche della ricerca psicologica. Roma-Bari: Laterza, 1995.
Dazzi, N., & Ferruzzi, F. (1980). Wundt, Titchener e la psicologia americana. Storia e critica della psicologia1, 29-52.
Farr, R. M. (1983). Wilhelm Wundt (1832-1920) and the origins of psychology as an experimental and social science. British journal of social psychology22, 289-301.
Lambert, G. (1995). Wilhelm Maximilian Wundt (1832-1920). Leben, Werk und Persönlichkeit in Bildern und Texten. Bonn: Dt. Psychologen-Verl.
Leahey, H. (1979). Something old, something new. Attention in Wundt and modern cognitive psychology. Journal of the history of the behavioral sciences15, 242-252.
Leary, D. E. (1979). Wundt and after: Psychology's shifting relations with the natural sciences, social sciences, and philosophy. Journal of the history of the behavioral sciences15, 231-241.
Meischner, W., & Eschler, E. (1979). Wilhelm Wundt. Köln: Pahl-Rugenstein.
Mischel, T. (1970). Wundt and the conceptual foundations of psychology. Philosophy and phenomenological research31, 1-26.
Mucciarelli, G. (a cura di) (1985). Wilhelm Wundt. Antologia di scritti. Bologna: Il Mulino.
Petersen, P. (1925). Wilhelm Wundt und seine Zeit. Stuttgart: Frommann.
Poggi, S. (1977). I sistemi dell'esperienza. Psicologia, logica e teoria della scienza da Kant a Wundt. Bologna: Il Mulino.
Ribot, T. (1879). La psychologie allemande contemporaine. Paris: Ballière.
Rieber, R. (a cura di) (1980). Wilhelm Wundt and the making of a scientific psychology. New York: Plenum.
Rieber, R. W., & Robinson, D. K. (a cura di) (2001). Wilhelm Wundt in history: The making of a scientific psychology. New York: Kluwer-Plenum.
Soro, G. (1991). Il soggetto senza origini. La soggettività empirica nella fondazione wundtiana della psicologia sperimentale. Milano: Cortina.
Titchener, E. B. (1921). Brentano and Wundt. Empirical and experimental psychology. American Journal of Psychology32, 108-120.
Woodward, W. R. (1982). Wundt's program for the new psychology: Vicissitudes of experiment, theory, and system. In W. R. Woodward & M. G. Ash (a cura di), The problematic science: Psychology in the nineteenth-century thought (pp. 167-197). New York: Praeger.
back to top