Il fondo Mario Pilo

Soggetto produttore

Il fondo archivistico e librario di Mario Pilo è conservato presso la Biblioteca Teresiana del Comune di Mantova, alla quale fu donato dalla vedova Giuseppina Levi (Bologna, 1865 – Buenos Aires, 1936) in quattro momenti successivi: nel 1920, nel 1921, nel 1932 e nel 1936.
Il fondo consta di 11 buste di documenti risalenti agli anni 1850-1940, tra manoscritti, cartoline illustrate e lastre fotografiche; comprende inoltre 57 pubblicazioni di Mario Pilo e un fondo librario di circa 500 tra volumi e opuscoli.
Solo le prime 4 buste delle complessive 11, quelle contenenti le lettere, sono corredate di inventario dattiloscritto, e sono collocate alla segnatura “Carteggio n. 6” della biblioteca comunale. In esse sono contenute 2096 lettere di 546 corrispondenti, tra cui figurano molte personalità del mondo scientifico, letterario e artistico italiano tra cui Alberto Cantoni, Benedetto Croce, Edmondo De Amicis, Arturo Graf, Enrico Morselli, Luigi Pirandello, Filippo Turati. Numerosa la corrispondenza ricevuta da Pilo dal fronte e dalla prigionia, tra il 1915 e 1918, da ex allievi dei licei in cui insegnò.
Si annoverano inoltre 50 diari di Mario Pilo, datati dall’ottobre 1860 al febbraio 1920 (b. 4); circa 100 fotografie tra ritratti di famiglia e paesaggi, scattate nel primo decennio del Novecento dallo stesso Pilo e in piccola parte dal fratello Adolfo (1861-1899), conservate in 8 contenitori per lastre e negativi in bianconero (b. 6); circa 700 cartoline illustrate, molte delle quali spedite a Pilo, classificate per autore, corrente artistica o appartenenza geografica (bb. 7, 8 e 11); 5 schedari bibliografici, 2 dei quali appartenuti ad Adolfo Pilo (b. 9).
Alcune buste, infine, contengono i manoscritti di Mario Pilo sull’arte, l’estetica e la musica, appunti di storia, alcuni romanzi giovanili e il romanzo dattiloscritto di Ginevra Speraz (pseudonimo della moglie Giuseppina Levi), I morti e i vivi (bb. 4-6, 10-11). I documenti compresi nelle buste 4-11 sono stati riordinati, senza tuttavia essere stati inventariati.
Il fondo librario di circa 500 volumi di argomento letterario e scientifico è individuabile dagli inventari topografici interni della biblioteca; a parte sono collocate le 41 opere pubblicate da Mario Pilo di argomento filosofico, musicale, estetico e scientifico.
Attualmente è inventariata solo la parte del fondo relativa al carteggio.

Cesare Guerra
26/05/2013

Bibliografia

AA.VV. (1998). I fondi speciali delle biblioteche lombarde: censimento descrittivo. II. Province […] Mantova. Milano: Editrice Bibliografica, 574-575.
Faccioli, E. (1967). Dal carteggio di Mario Pilo: lettere inedite di Ugo Ojetti, Arturo Graf, Benedetto Croce e Luigi Pirandello. Civiltà Mantovana2, 50-55.
Salvadori, V. (1991) (a cura di). I carteggi delle biblioteche lombarde: censimento descrittivo. II. Province. Milano: Editrice Bibliografica, 303-304.
back to top