Lettera dello psichiatra Augusto Tamburini a Giulio Cesare Ferrari (1)

Comitato / per le onoranze a / Cesare Lombroso
 
Roma, 14.II.1906

Caro Ferrari,
Mariani [1] mi comunica i titoli degli ultimi lavori recenti del Bocca(?), ma non menziona il Suo e di Renda [2]. Lo ha poi mandato?
Ad ogni modo spero lo avrà fatto, e poiché non Le occorrerà più il volume dell'Appendice psichiatrica, potrebbe rimandarlo subito a Guicciardi, o meglio consegnarlo a me al mio passaggio da Bologna, che avrà luogo domenica 18 o lunedì 19 col lampo, in compagnia della mia Sig.ra. Io l'avviserò in tempo, e intanto Lei lo impacchetti ben bene, da poterlo prendere con noi in treno.
Per l'invito ai Governi stranieri ho già parlato col Ministro Guicciardini [3], che accetta volentieri la presidenza onoraria del Congresso e di invitare, al momento che gli diremo, i Governi, a mandare i loro Delegati.
Ora col cambiamento di Ministero è sospesa la pratica per la riduzione ferroviaria: ma ben presto la riprenderò, sebbene, non essendovi più il Mari, mi manca un ottimo elemento per la pronta ed efficace attuazione.
Il volume della Malattie del lavoro [4], il Celli [5] l'ha affidato, credo, al Rinauro(?) di Firenze.
Per la famiglia Obici la Istituzione Verga-Biffi ha mandato intanto £. 500: e alla 1a riunione io farò deliberare un assegno annuo pure di £. 500, che varrà alla famiglia certo più che una grossa somma ora. Però è un fatto che bisognerebbe agitarsi un po' per far fiorire, con molti aderenti, la istituzione. Non potrebbe Lei fare un articolo d'occasione pel prossimo fascicolo della Rivista? Troverà nei Bollettini della Soc. Freniatrica gli elementi occorrenti.
Mi raccomando di seguitare a lavorare per l'opera sull'Assistenza [6] e a mandarmi o consegnarmi il rimanente del Cap. IV.
Saluti cordiali, anche di Emilia e di Arrigo.
Suo aff.mo
Tamburini

[1] Probabilmente lo psichiatra Carlo Edoardo Mariani.
[2] Lo psicologo e filosofo calabrese Antonio Renda, fondatore nel 1899 del periodico «Il Pensiero contemporaneo». Renda pubblicò nel 1906 un articolo sulla "psicologia legale" nella «Rivista di psicologia» di Ferrari.
[3] Il ministro degli esteri conte Francesco Guicciardini (1851-1915).
[4] Probabilmente gli Atti del Congresso internazionale per le malattie del lavoro tenutosi a Milano dal 9 al 14 giugno 1906.
[5] L'igienista, sociologo e deputato Angelo Celli (1857-1914), noto per i suoi studi sull'agente eziologico della malaria.
[6] Augusto Tamburini, Giulio Cesare Ferrari, Giuseppe Antonini, L'assistenza degli alienati in Italia e nelle varie nazioni, Torino, Unione Tipografico Editrice, 1918. Ferrari si occupò della parte internazionale.
back to top