Il progetto di ricerca Firb, iniziato nel gennaio 2009, è stato finanziato dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e si è concluso nel 2012.

Tale progetto, in linea di continuità con i progetti precedentemente svolti dal centro interdipartimentale di ricerca Aspi – Archivio storico della psicologia italiana dell’Università di Milano-Bicocca, aveva l’obiettivo di costituire un archivio digitale delle carte dei principali protagonisti della storia della psicologia italiana.

In particolare, grazie ai finanziamenti Firb, l’Aspi ha creato una piattaforma che gestisce tali fondi archivistici e li mette a disposizione on-line con un corredo di ricerche e contestualizzazioni storiche.

Il centro Aspi ha inoltre avviato una mappatura a livello nazionale di tutti gli archivi di interesse psicologico, proponendosi come centro di coordinamento nazionale per la raccolta, l’acquisizione in formato digitale, la valorizzazione e messa in rete degli archivi di interesse storico-psicologico.

A tal fine, in qualità di unità capofila del progetto, l’Università degli studi di Milano-Bicocca ha operato di concerto con l’unità di competenza tecnologica Cilea, con le unità delle Università di Trieste, Cattolica di Milano e Firenze, nonché con i Dipartimenti di psicologia delle Università di Palermo e di Torino, ognuno dei quali – in via diretta o indiretta – era responsabile di altri archivi di fondamentale importanza per la storia della psicologia italiana.

Per gli archivi riordinati si è proceduto alla descrizione analitica, alla digitalizzazione dei documenti e alla loro pubblicazione on-line. Il portale dell’Aspi ha messo quindi a disposizione non solo gli inventari archivistici, ma anche le immagini dei documenti, nonché tutti gli approfondimenti risultanti dalle ricerche storiche condotte su di essi.

Gli inventari d’archivio sono stati resi consultabili in rete con un apparato di note critiche e di link che rimandano a:

– biografie dei vari personaggi citati nei documenti;

– schede storiche sugli enti e le istituzioni citati nei documenti;

– schede storiche sulle riviste psicologiche citate nei documenti;

– schede di descrizione degli strumenti citati nei documenti;

– percorsi storico-scientifici relativi alle principali questioni trattate nei documenti;

– gallerie dei materiali grafici e fotografici presenti negli archivi;

– articoli di riviste digitalizzati;

– elenco di siti internet riguardanti gli archivi degli psicologi e la storia della psicologia;

– bibliografie.